adidas nmd runner pk adidas is dropping two nmd runner pk releases this weekend adidas nmd runner european release dates adidas originals nmd august 18th releases adidas nmd runner triple white adidas nmd runners releasing at pac sun nice kicks adidas nmd die tye adidas nmd runner suede adidas nmd pk runner in yellow releasing in february adidas nmd runner pk yellow camo release date packer shoes adidas nmd adidas nmd runner primeknit red camo adidas nmd runner adidas nmd runner pk adidas nmd runner white adidas nmd white red blue release date adidas nmd white red blue another look adidas nmd white more imagery adidas nmd r2 white mountaineering preview adidas nmd runner pk yellow camo

I bassifondi inesistenti di Giulia Ci

La copertina del libro di Giulia C.

Flussi di coscienza joyciani scritti con tutte le virgole al posto giusto, cambi repentini di registro, fantasie sfrenate di una psiche inquieta, lucidità e limpidezza descrittiva fatta a pezzi in modo nevrotico. Ci si trova di fronte a tutto questo leggendo I bassifondi inesistenti, racconto principale della raccolta Una persona normale – I bassifondi inesistenti e altri racconti spudorati di Giulia C. – a.k.a. giuvax, giovane scrittrice campana divenuta celebre per avere più blog di quanti una mente umana possa immaginare e per aver creato la famosa comunità web rompicats. I bassifondi inesistenti è un ensemble folle di frammenti narrativi, una costruzione fatta con pezzi non combacianti, un frullato di percezioni prive di connessione. La trama, il tessuto, la Storia non hanno alcun significato, e il lettore – spiazzato e confuso – non può far altro che subire l’onda anomala fatta di pensieri liquefatti e scombinati che lo proiettano, nel breve volgere di quattordici fittissime pagine, all’interno delle allucinazioni dell’io narrante. La forza della scrittura di questa giovane autrice sta nel modo in cui riesce a mescolare elementi contraddittori: topoi classici e sperimentazioni postmoderne, descrizioni, narrazioni e speculazioni esistenziali in un mega frappè cerebralemotivo. Chi è il protagonista di questo racconto? La mente, l’Io cristallizzato dell’autrice? No, l’Io che travolge e stordisce il povero lettore con tonnellate di riflessioni e deliri altro non è che la tessera inconsapevole di un mosaico impazzito dietro cui non si nasconde nessuna figura, un pezzo di un patchwork realizzato con stoffe diverse e inconciliabili. È questa, a ben vedere, la vera debolezza e l’estrema contraddizione di questo racconto, pur tanto suggestivo e ben scritto: non è un vero racconto (ma – attenzione – non è neppure un insieme disordinato di pagine di diario, come potrebbe sembrare dopo una lettura superficiale). Non c’è nessuna struttura in grado di sostenere storie e visioni. C’è troppo dentro I bassifondi inesistenti, troppo persino per l’autrice, vittima del suo eccesso di virtuosismo, incapace di dominare e dare forma al caos di tutti gli universi che ha in testa. Insomma, se qualcuno mi chiedesse se mi è piaciuta la storia, non potrei che rispondere di no, perché I bassifondi inesistenti non è una storia.

Giulia C. in un momento di relax.

È una busta piena di pezzi di puzzle diversi, non un vero puzzle in cui è possibile, lentamente e con pazienza, costruire una figura, magari assurda o incomprensibile, ma comunque frutto dell’assemblaggio di forme fatte per essere incastrate. Le tessere devono poter combaciare se si vuole generare un disegno, un’idea, una storia appunto, se no restano soltanto frammenti di disegni diversi messi insieme senza alcuno scopo, solo per fare straripare il fiume in piena dei propri pensieri (ma allora sarebbe giusto custodire le parole e nasconderle al resto del mondo, inevitabilmente destinato a non comprendere [1]). Un narratore è uno che prende la tua anima e le tue budella, le strizza e ti fa sussultare di fronte alla sua creazione [2]. L’autrice ci arriva vicino in diversi momenti, alcune righe de I Bassifondi inesistenti sono energia pura, intensissima e prorompente [3]; il problema è che alcune righe non bastano, una vera creazione è organica, non costruita attraverso la giustapposizione di tante minicreazioni in grado di provocare minisussulti slegati tra loro. La storia è quindi inesistente, ma alcune microstorie sono sublimi. L'umile recensore mentre legge il racconto di Giulia C.La lucida descrizione del non-dialogo con il padre, ad esempio, riesce in poche righe a proiettare il lettore all’interno della psiche dei personaggi e della sequenza di pensieri, comportamenti, eventi che attraverso infinite ramificazioni li hanno portati a quel colloquio-soliloquio «in cucina, di sera tarda, davanti ad una tazza di latte che fa schifo». L’incontro con la bambina su una panchina in riva al lago e con uno sconosciuto davanti a una vetrina, le riflessioni sulle mani che odorano di vino e sul “cattiveggiare” per le strade sono come fotografie scattate con un obiettivo di precisione che si stampano nella mente del lettore. Tutto questo, però, non basta. Giulia C. ha il talento della vera scrittrice, ma per ora è schiava di enormi potenzialità che non riesce a gestire. Le manca la capacità (o forse solo la voglia) di partorire una trama, una storia con un sentiero, per quanto labirintico, da seguire. Il lettore si trova smarrito alla ricerca di un percorso che lo aiuti a comprendere (non a spiegare razionalmente né a capire – in questo caso non avrebbe senso – ma proprio a comprendere) e che non potrà trovare, perché nelle parole di Giulia C. non c’è un nessun percorso, o quantomeno c’è un percorso comprensibile davvero solo dalla stessa autrice. In sintesi e per concludere, l’umile autore di questa breve recensione si è trovato di fronte ad una sostanziale mancanza di struttura narrativa unita ad una immane forza di scrittura. L’autrice è molto giovane, comunque, e non potrà che migliorare (questo è un luogo comune, in realtà spesso col tempo si peggiora… Orson Welles e Maradona insegnano). Il giudizio è quindi momentaneamente sospeso, ma io sono fermamente convinto che Giulia C. sia in potenza una scrittrice con la esse maiuscola che, prima o poi, riuscirà a dominare il suo genio creativo [4] e ci regalerà qualcosa di grande.

Giulia C., I bassifondi inesistenti, pubblicato all’interno della raccolta Una persona normale – I bassifondi inesistenti e altri racconti spudorati, Adelphi, 232 pp., 12 euro

[1] Basta dire, come fa l’autrice nella premessa del racconto, che il lettore deve «immaginare emozioni suoni sentimenti conflitti dolori, solo da poche parole […]. Chi non capisce rimarrà ovviamente fuori.»? Non è forse questo un pretesto per poter bariccheggiare in libertà?

[2] Sì, una specie di serial killer.

[3] Sì, come il bagnoschiuma.

[4] Quel che è certo è che domina già il mercato, visto che il suo libro è diventato un best seller ed ha venduto 57.000 copie nel giro di tre settimane (alcuni sostengono che questo incredibile successo sia dovuto al cosiddetto effetto Melissa P., ma questa è un’altra storia).

61 commenti

  1. Sto chiamando la neurodeliri.
    Mi dai il tuo indirizzo di casa?

  2. Sto chiamando la neurodeliri.
    Mi dai il tuo indirizzo di casa?

    Qual è il nesso tra la neurodeliri e il mio numero di casa? Sto in Via dei matti numero 0, comunque.

    (Mi aspettavo un commento chilometrico, sono profondamente deluso.)

  3. Anche io mi aspettavo commenti chilometrici… 😛
    Mica posso fare la controrecensione. E poi tu sei squilibrato, come potrei combattere con tali patologie?

  4. “Era una casa molto carina,senza soffitto,senza cucina…”
    E.

  5. E soprattutto: “Non si poteva far la pipì, perché non c’era il vasino lì.”

  6. Ehi, proprio quello che ho pensato anch’io leggendolo!

  7. Lui peò è stato più ruffiano.
    E tu, per fortuna, non sei da ricovero come lui.

  8. E tu, per fortuna, non sei da ricovero come lui.

    /me piange. 🙁

  9. /me singhiozza e si dimena. :/

  10. *quando attacca a sbattere i piedi per terra frignando lo sopprimo*

  11. Ma tu dove l’hai comprato? Alla Feltrinelli non hanno voluto farmi neppure un centesimo di sconto (e non mi hanno creduto quando ho detto che conosco l’autrice… e l’autrice è stata comunque stronza a non inviarmene una copia gratis).

  12. tralaltro lodevole la scelta del 278

  13. Hai fatto quello che io ho perso tempo e ho dimenticato di fare.

  14. C’avi l’occhiu finu, ‘stu picciottu.

  15. Che poi, tra te e psycho, evidentemente c’è anche sintonia pedofila.

  16. ecco mi escludono sempre dai clubs a me

  17. mannuuuuuuuuuuu.
    Occhei, ci sei anche tu dentro.
    *dice, togliendosi dieci anni di dosso*

  18. sono confusa… :O

  19. credo sia l’obiettivo, ma potrei anche sbagliarmi.

  20. If you cannot convince them, confuse them… eccetera eccetera.

  21. sono confusa… :O

    :O Che fu, Malmostella?

  22. Ehm ma e’ una recensione sul libro o sull’autrice? 😉
    A me sembra scritta ad hoc con il tono del maestrino di fronte ad un tema e all’alunna che l’ha scritto 😛

  23. È una recensione del videogioco, non l’avevi capito? :O

  24. Il racconto non l’ho letto, però ho il libro. E ti devo dire che sei stato un po’ fessacchiotto a spendere tutti quei soldi. Io ho trovato l’edizione 100 pagine 1000 lire della Newton Compton. Certo, come al solito, la traduzione non è delle migliori (a partire dal titolo) ma dopo essermi imbattuto in “Senno e sensibilità”, mi aspettavo un titolo un po’ diverso.

  25. Per cortesia, non gli dare corda.
    Non si fa, coi matti.

  26. Per cortesia, non gli dare corda.

    Ahahahaha! Sai chi è Lucu? Ti sembra una persona normale (o un individuo semplice)? 😀

    Non si fa, coi matti.

    Non mi aspettavo una reazione del genere, giuro. Finora mi hai dato del matto, del pedofilo, del ruffiano e hai detto che mi sopprimerai… Sono delusissimo e tristissimo. 🙁

  27. Beh, ma per come hai impostato la recensione è difficile capire dove mi prendi in giro e dove pensi seriamente le cose che hai scritto.
    L’idea è geniale, lo sai. Non hai bisogno che ti solletichi l’ego.
    O meglio, so esattamente cosa pensi e cosa hai camuffato, ma non ti darò questa soddisfazione… :PP
    E poi, vorrei parlarti di alcune cose, che a dirle via mail, coi tuoi tempi di risposta, ci si mette un secolo… ma tu su messenger non ci sei mai?

  28. O meglio, so esattamente cosa pensi e cosa hai camuffato, ma non ti darò questa soddisfazione…

    Se se…

    ma tu su messenger non ci sei mai?

    Sul Messenger di Bill Gates? Raramente… Sono più yahooiano, irchiano e icquiano.

  29. io aspetto il film.

  30. seee, sara’ la solita sola. non si vedra’ nemmeno un po’ di pelo.

  31. dipende dalla regista…

  32. /me si propone come regista o almeno sceneggiatrice
    (promesso)

  33. ma anche come protagonista, si spera

  34. e anche come pubblico!

  35. e anche come proprietaria del cinema

  36. e anche come venditrice di popcorn (yum)!

  37. E anche come popcorn (gnam!)

  38. E anche come biglietto del cinema (bleurgh)!

  39. e anche come cinema (scatabataboom!)

  40. e anche come poltroncina scomoda del cinema con chewingum appiccicato sopra (squitch!)

  41. e anche come chewinggum (per la serie, siiii, masticatemi, voglio essere vostra).

  42. *corre a scegliere il coprotagonista*

  43. *agita inutilmente un cartello con su scritto: SONO QUI*

  44. Mi viene in mente la gag di Vianello-Mondaini che si corrono (apparentemente) incontro nel prato con gli uccellini e i lillà…

  45. esattamEnte 😉

  46. Ma se il protagonista è uno Yeti… (Ti riferivi al pelo di Yeti, vero?)

  47. queste illazioni su giuvax mi sembrano davvero indelicate. lei ci soffre moltissimo per i suoi problemi tricologici, non lo sai?

  48. M’hai fatto pensare ad una scena de “Il pianeta delle scimmie”, quella in cui Charlton Heston si rade per la prima volta e le scimmie gli dicono che senza i peli in faccia sembra molto più animalesco.

  49. *si percuote il petto girando per la stanza con una falciatrice sulle gambe e su… no, immaginatelo voi*

  50. …mi hai incuriosita.. appena torno in italia melo procuro

  51. in cui melo non è un albero ma un errore di battitura… anzi, no, è un albero!

  52. No, Melo è il ragazzo di una mia amica. 😛

  53. Se vuoi te lo presto (12 euro son 12 euro).

  54. Tanto perché tu lo sapessi, l’ho messo nelle memories, salvato e appena compro la cartuccia a colori lo stampo corredata di immagini (solo il testo per il momento).
    Ho fatto la buffona ma abbiamo già parlato del mostrarsi superficiali quando si desidera non esserlo.
    Una cosa così non l’aveva mai fatta nessuno, per me. E magari tu mi reputerai scemotta, ma mi ha riempito il cuore di gioia e pure commossa. :*
    Stop.

  55. Ho fatto la buffona ma abbiamo già parlato del mostrarsi superficiali quando si desidera non esserlo.

    Ahahah. Questa precisazione non era affatto necessaria, credimi. 🙂

    Una cosa così non l’aveva mai fatta nessuno, per me. E magari tu mi reputerai scemotta, ma mi ha riempito il cuore di gioia e pure commossa. :*

    Ahahahahha. Scemotta.

    Stop.

    And go.

  56. Go, go.
    Finalmente sei tornato, e ho un sacco di post nuovi per te. :*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post Navigation

I Malkut

  • Il serpente mangia se stesso; il cane si morde la coda. George Spencer-Brown

Twitter

Archivi

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers: