adidas nmd runner pk adidas is dropping two nmd runner pk releases this weekend adidas nmd runner european release dates adidas originals nmd august 18th releases adidas nmd runner triple white adidas nmd runners releasing at pac sun nice kicks adidas nmd die tye adidas nmd runner suede adidas nmd pk runner in yellow releasing in february adidas nmd runner pk yellow camo release date packer shoes adidas nmd adidas nmd runner primeknit red camo adidas nmd runner adidas nmd runner pk adidas nmd runner white adidas nmd white red blue release date adidas nmd white red blue another look adidas nmd white more imagery adidas nmd r2 white mountaineering preview adidas nmd runner pk yellow camo

Everyman

[Scritto il 14 aprile 2007]

Everyman è l’ultimo libro di Philip Roth. Romanzo breve di 117 pagine, pare sia lontano anni luce dall’intensità e dalla forza di Lamento di Portnoy, Pastorale americana e altri capolavori rothiani. Io questo però non lo so, perché Everyman è il primo romanzo di Roth che leggo. So solo che in qualche modo ha lasciato il segno – un piccolo segno – e m’ha fatto venire voglia di leggere subito qualcos’altro di suo (mi sa che comincerò proprio con Lamento di Portnoy). Everyman è la storia di un uomo e di quell’uomo soltanto, ma potrebbe essere la storia di ogni uomo. Una storia che comincia col funerale del protagonista e finisce con la sua morte. Dentro questo cerchio perfetto ci sono solo spezzoni e flashback a singhiozzo della sua vita: errori, passioni, rimpianti, amori, rimorsi, incomprensioni, speranze, illusioni, disillusioni. E poi gradualmente decadenza, sofferenza e malattia che assurdamente prendono il sopravvento e si impossessano di lui. È la storia di un uomo per quel che è: un corpo che che cresce, respira, soffre, pensa, si muove, scopa, si riproduce, crea e distrugge relazioni, fa cose intelligenti e commette imperdonabili e normalissime cazzate; ed è fatto di muscoli, nervi, vene e contiene un cervello e un cuore e tanti altri organi che all’improvviso cominciano a funzionare male e poi si rompono e l’uomo muore ed è tutto finito.

Tutto qui. Niente che appaghi o consoli, nessuna speranza residua, nessun intreccio avvincente o sorprendente. Quel che resta alla fine sono solo ossa, ricordi sparsi qua e là e un po’ di vuoto. Probabilmente non è tra i migliori romanzi di Roth e non so se m’è piaciuto; forse sì, ma propendo per il no. Non credo sia questo il punto, però. Il punto è che m’ha lasciato una microscopica e impercettibile sacca di vuoto nella mente. Nient’altro.

Everyman

Insieme a Howie, aveva smesso di prendere sul serio il giudaismo a tredici anni – la domenica dopo il sabato del suo bar mitzvah – e da allora non aveva più messo piede in una sinagoga. Aveva persino lasciato in bianco lo spazio per la religione sul modulo di ammissione all’ospedale, per evitare che la parola «ebreo» provocasse la visita di un rabbino, venuto a parlare con lui nella sua stanza nel modo in cui parlano i rabbini. La religione era una bugia che aveva riconosciuto presto nella vita, e trovava offensive tutte le religioni, considerava insensato e puerile il loro superstizioso bla-bla e non poteva soffrire l’assoluto infantilismo di tutto ciò: i discorsi da bambini e la rettitudine e le pecore, gli avidi credenti. Niente abracadabra su Dio e sulla morte, né obsolete fantasie sul paradiso, per lui. Esisteva solo il nostro corpo, venuto al mondo per vivere e morire alle condizioni decise dai corpi vissuti e morti prima di noi. Se si fosse potuto dire che aveva individuato una nicchia filosofica in cui collocarsi, eccola: l’aveva trovata presto e intuitivamente, e per quanto elementare, era tutta lì. Se avesse mai scritto un’autobiografia, l’avrebbe intitolata Vita e morte di un corpo maschile.

6 commenti

  1. Per come lo descrivi sembra un libro interessante fino a un certo punto, ma è interessante anche il fatto che nonostante il pollice (semi)verso tu abbia voglia di leggere altro.

    In ogni caso, molta della gente che – nei romanzi – non crede in dio nel modo in cui non ci crede questo tizio non ha motivi validi per (non) farlo. È tutto un fatto culturale. Cinquecento anni fa sarebbe stato un bigottone.

  2. Vedo che non sono l’unica a trovare curioso e interessante il fatto che ,pur non avendo amato questo libro, tu voglia approfondire la “conoscenza” dell’autore,evidentemente ha qualcosa che colpisce,o forse è solo una tua curiosità…da quel che hai scritto potrebbe essere un gran bel libro in tutto il suo disincantato cinismo,o qualcosa di veramente mediocre…magari lo leggerò per farmi un’idea mia!

  3. Philip Roth è uno dei più grandi scrittori viventi. Nel frattempo ho letto Lamento di Portnoy e sono rimasto folgorato (prima o poi scriverò un post su questo capolavoro). Everyman è sicuramente un romanzo minore, ma contiene alcune pagine di alta letteratura ed è scritto benissimo. Merita comunque d’esser letto. Chi vuole conoscere il vero Roth, però, deve assolutamente leggere Lamento di Portnoy.

  4. Lamento di Portnoy è un gran libro. Pastorale americana, invece, è una noia mortale. Io e Roth ci rivedremo tra molto, molto tempo.

  5. e, ti prego, non voglio assolutamente vedere il mio nobile nick accanto alla faccione da culo di CM.

  6. Se non vuoi più il tuo nobile nick accanto al delizioso faccino di Clem, clicca qui e fatti un gravatar.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post Navigation

I Malkut

  • È arrischiato pensare che una coordinazione di parole (altra cosa non sono le filosofie) possa somigliare all’universo. Jorge Luis Borges

Twitter

Archivi

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers: