adidas nmd runner pk adidas is dropping two nmd runner pk releases this weekend adidas nmd runner european release dates adidas originals nmd august 18th releases adidas nmd runner triple white adidas nmd runners releasing at pac sun nice kicks adidas nmd die tye adidas nmd runner suede adidas nmd pk runner in yellow releasing in february adidas nmd runner pk yellow camo release date packer shoes adidas nmd adidas nmd runner primeknit red camo adidas nmd runner adidas nmd runner pk adidas nmd runner white adidas nmd white red blue release date adidas nmd white red blue another look adidas nmd white more imagery adidas nmd r2 white mountaineering preview adidas nmd runner pk yellow camo

Categoria: Sgurz

Ah, i bei tempi andati!

Ah, i bei tempi andati, quando non c’erano Netflix e i social network e trascorrevamo le nostre giornate g̶u̶a̶r̶d̶a̶n̶d̶o̶ ̶M̶a̶g̶n̶u̶m̶ ̶P̶.̶I̶.̶,̶ ̶M̶a̶c̶G̶y̶v̶e̶r̶,̶ ̶A̶-̶T̶e̶a̶m̶,̶ ̶M̶i̶a̶m̶i̶ ̶V̶i̶c̶e̶,̶ ̶L̶’̶u̶o̶m̶o̶ ̶d̶a̶ ̶s̶e̶i̶ ̶m̶i̶l̶i̶o̶n̶i̶ ̶d̶i̶ ̶d̶o̶l̶l̶a̶r̶i̶,̶ ̶L̶a̶ ̶d̶o̶n̶n̶a̶ ̶b̶i̶o̶n̶i̶c̶a̶,̶ ̶C̶h̶a̶r̶l̶i̶e̶’̶s̶ ̶A̶n̶g̶e̶l̶s̶,̶ A̶l̶l̶a̶ ̶c̶o̶n̶q̶u̶i̶s̶t̶a̶ ̶d̶e̶l̶ ̶W̶e̶s̶t̶,̶ ̶L̶a̶ ̶s̶i̶g̶n̶o̶r̶a̶ ̶i̶n̶ ̶g̶i̶a̶l̶l̶o̶,̶ ̶I̶ ̶J̶e̶f̶f̶e̶r̶s̶o̶n̶,̶ ̶I̶ ̶R̶o̶b̶i̶n̶s̶o̶n̶,̶ ̶L̶a̶ ̶c̶a̶s̶a̶ ̶n̶e̶l̶l̶a̶ ̶p̶r̶a̶t̶e̶r̶i̶a̶,̶ ̶S̶t̶a̶r̶s̶k̶y̶ ̶&̶ ̶H̶u̶t̶c̶h̶,̶ ̶H̶a̶z̶z̶a̶r̶d̶,̶ ̶B̶e̶v̶e̶r̶l̶y̶ ̶H̶i̶l̶l̶s̶ ̶9̶0̶2̶1̶0̶,̶ ̶M̶e̶l̶r̶o̶s̶e̶ ̶P̶l̶a̶c̶e̶,̶ ̶W̶i̶l̶l̶y̶ ̶i̶l̶ ̶p̶r̶i̶n̶c̶i̶p̶e̶ ̶d̶i̶ ̶B̶e̶l̶ ̶A̶i̶r̶,̶ ̶O̶t̶t̶o̶ ̶s̶o̶t̶t̶o̶ ̶u̶n̶ ̶t̶e̶t̶t̶o̶,̶ ̶S̶u̶p̶e̶r̶c̶a̶r̶,̶ ̶B̶a̶y̶w̶a̶t̶c̶h̶,̶ ̶I̶ ̶r̶a̶g̶a̶z̶z̶i̶ ̶d̶e̶l̶l̶a̶ ̶3̶ª̶ ̶C̶,̶ ̶C̶o̶l̶l̶e̶g̶e̶,̶ ̶I̶ ̶r̶a̶g̶a̶z̶z̶i̶ ̶d̶e̶l̶ ̶m̶u̶r̶e̶t̶t̶o̶,̶ ̶L̶a̶ ̶p̶i̶o̶v̶r̶a̶,̶ ̶C̶i̶n̶q̶u̶e̶ ̶i̶n̶ ̶f̶a̶m̶i̶g̶l̶i̶a̶,̶ ̶B̶a̶y̶s̶i̶d̶e̶ ̶S̶c̶h̶o̶o̶l̶,̶ ̶B̶u̶f̶f̶y̶,̶ ̶D̶a̶w̶s̶o̶n̶’̶s̶ ̶C̶r̶e̶e̶k̶,̶ ̶P̶a̶p̶p̶a̶ ̶e̶ ̶c̶i̶c̶c̶i̶a̶,̶ ̶F̶r̶i̶e̶n̶d̶s̶,̶ ̶G̶e̶n̶i̶t̶o̶r̶i̶ ̶i̶n̶ ̶b̶l̶u̶e̶ ̶j̶e̶a̶n̶s̶,̶ ̶A̶r̶n̶o̶l̶d̶,̶ ̶R̶a̶l̶p̶h̶ ̶S̶u̶p̶e̶r̶m̶a̶x̶i̶e̶r̶o̶e̶,̶ ̶A̶L̶F̶,̶ ̶M̶o̶r̶k̶ ̶&̶ ̶M̶i̶n̶d̶y̶,̶ ̶H̶a̶p̶p̶y̶ ̶D̶a̶y̶s̶,̶ ̶L̶a̶ ̶t̶a̶t̶a̶,̶ ̶S̶u̶p̶e̶r̶ ̶V̶i̶c̶k̶y̶,̶ ̶L̶a̶ ̶f̶a̶m̶i̶g̶l̶i̶a̶ ̶B̶r̶a̶d̶f̶o̶r̶d̶,̶ ̶C̶a̶s̶a̶ ̶K̶e̶a̶t̶o̶n̶,̶ ̶C̶H̶i̶P̶s̶,̶ ̶C̶u̶o̶r̶e̶ ̶e̶ ̶b̶a̶t̶t̶i̶c̶u̶o̶r̶e̶,̶ ̶T̶r̶e̶ ̶c̶u̶o̶r̶i̶ ̶i̶n̶ ̶a̶f̶f̶i̶t̶t̶o̶,̶ ̶I̶l̶ ̶t̶e̶n̶e̶n̶t̶e̶ ̶C̶o̶l̶o̶m̶b̶o̶,̶ ̶L̶a̶w̶ ̶&̶ ̶O̶r̶d̶e̶r̶,̶ ̶L̶’̶i̶s̶p̶e̶t̶t̶o̶r̶e̶ ̶D̶e̶r̶r̶i̶c̶k̶,̶ ̶K̶o̶j̶a̶k̶,̶ ̶W̶o̶n̶d̶e̶r̶ ̶W̶o̶m̶a̶n̶,̶ ̶M̶a̶i̶ ̶d̶i̶r̶e̶ ̶s̶ì̶,̶ ̶T̶o̶p̶ ̶s̶e̶c̶r̶e̶t̶,̶ ̶D̶a̶l̶l̶a̶s̶,̶ ̶D̶y̶n̶a̶s̶t̶y̶,̶ ̶S̶a̶r̶a̶n̶n̶o̶ ̶f̶a̶m̶o̶s̶i̶,̶ ̶O̶c̶c̶h̶i̶ ̶d̶i̶ ̶g̶a̶t̶t̶o̶,̶ ̶K̶e̶n̶ ̶S̶h̶i̶r̶o̶,̶ ̶T̶w̶i̶n̶ ̶P̶e̶a̶k̶s̶,̶ ̶U̶n̶ ̶m̶e̶d̶i̶c̶o̶ ̶t̶r̶a̶ ̶g̶l̶i̶ ̶o̶r̶s̶i̶,̶ ̶A̶i̶ ̶c̶o̶n̶f̶i̶n̶i̶ ̶d̶e̶l̶l̶a̶ ̶r̶e̶a̶l̶t̶à̶,̶ ̶V̶i̶s̶i̶t̶o̶r̶s̶,̶ ̶S̶p̶a̶z̶i̶o̶ ̶1̶9̶9̶9̶,̶ ̶X̶ ̶F̶i̶l̶e̶s̶,̶ ̶Q̶u̶a̶n̶t̶u̶m̶ ̶L̶e̶a̶p̶,̶ ̶S̶t̶a̶r̶ ̶T̶r̶e̶k̶:̶ ̶T̶h̶e̶ ̶N̶e̶x̶t̶ ̶G̶e̶n̶e̶r̶a̶t̶i̶o̶n̶,̶ ̶M̶u̶p̶p̶e̶t̶ ̶S̶h̶o̶w̶,̶ ̶H̶o̶l̶l̶y̶ ̶&̶ ̶B̶e̶n̶j̶i̶,̶ ̶L̶’̶i̶n̶c̶a̶n̶t̶e̶v̶o̶l̶e̶ ̶C̶r̶e̶a̶m̶y̶,̶ ̶M̶a̶g̶i̶c̶a̶ ̶E̶m̶i̶,̶ ̶L̶a̶m̶ù̶,̶ ̶M̶i̶l̶a̶ ̶e̶ ̶S̶h̶i̶r̶o̶,̶ ̶R̶a̶n̶m̶a̶ ̶½̶,̶ ̶M̶a̶z̶i̶n̶g̶a̶,̶ ̶U̶F̶O̶ ̶R̶o̶b̶o̶t̶,̶ ̶H̶e̶-̶M̶a̶n̶,̶ ̶L̶o̶v̶e̶l̶y̶ ̶S̶a̶r̶a̶,̶ ̶M̶i̶m̶ì̶,̶ ̶S̶a̶i̶l̶o̶r̶ ̶M̶o̶o̶n̶,̶ ̶L̶’̶u̶o̶m̶o̶ ̶t̶i̶g̶r̶e̶,̶ ̶P̶i̶c̶c̶o̶l̶i̶ ̶p̶r̶o̶b̶l̶e̶m̶i̶ ̶d̶i̶ ̶c̶u̶o̶r̶e̶,̶ ̶H̶e̶l̶l̶o̶ ̶S̶p̶a̶n̶k̶,̶ ̶D̶o̶r̶a̶e̶m̶o̶n̶,̶ ̶B̶e̶a̶v̶i̶s̶ ̶a̶n̶d̶ ̶B̶u̶t̶t̶h̶e̶a̶d̶,̶ ̶I̶ ̶S̶i̶m̶p̶s̶o̶n̶,̶ ̶C̶a̶p̶i̶t̶a̶n̶ ̶H̶a̶r̶l̶o̶c̶k̶,̶ ̶J̶e̶e̶g̶ ̶R̶o̶b̶o̶t̶ ̶d̶’̶a̶c̶c̶i̶a̶i̶o̶,̶ ̶G̶o̶l̶d̶r̶a̶k̶e̶,̶ ̶M̶e̶g̶a̶l̶o̶m̶a̶n̶,̶ ̶D̶a̶i̶t̶a̶r̶n̶ ̶3̶,̶ ̶H̶e̶i̶d̶i̶,̶ ̶G̶e̶o̶r̶g̶i̶e̶,̶ ̶C̶a̶r̶l̶e̶t̶t̶o̶ ̶i̶l̶ ̶p̶r̶i̶n̶c̶i̶p̶e̶ ̶d̶e̶i̶ ̶m̶o̶s̶t̶r̶i̶,̶ ̶L̶u̶p̶i̶n̶,̶ ̶I̶ ̶P̶u̶f̶f̶i̶,̶ ̶G̶l̶i̶ ̶S̶n̶o̶r̶k̶y̶,̶ ̶T̶r̶a̶n̶s̶f̶o̶r̶m̶e̶r̶s̶,̶ ̶D̶u̶c̶k̶T̶a̶l̶e̶s̶,̶ ̶L̶’̶a̶p̶e̶ ̶M̶a̶i̶a̶,̶ ̶L̶’̶a̶p̶e̶ ̶M̶a̶g̶à̶,̶ ̶P̶o̶l̶l̶o̶n̶,̶ ̶G̶i̶g̶i̶ ̶l̶a̶ ̶t̶r̶o̶t̶t̶o̶l̶a̶,̶ ̶F̶l̶o̶ ̶l̶a̶ ̶p̶i̶c̶c̶o̶l̶a̶ ̶R̶o̶b̶i̶n̶s̶o̶n̶,̶ ̶T̶u̶t̶t̶i̶ ̶i̶n̶ ̶c̶a̶m̶p̶o̶ ̶c̶o̶n̶ ̶L̶o̶t̶t̶i̶,̶ ̶B̶i̶m̶ ̶B̶u̶m̶ ̶B̶a̶m̶,̶ ̶S̶o̶l̶l̶e̶t̶i̶c̶o̶,̶ ̶M̶a̶u̶r̶i̶z̶i̶o̶ ̶C̶o̶s̶t̶a̶n̶z̶o̶ ̶S̶h̶o̶w̶,̶ ̶L̶u̶n̶e̶d̶ì̶ ̶f̶i̶l̶m̶,̶ ̶I̶ ̶b̶e̶l̶l̶i̶s̶s̶i̶m̶i̶ ̶d̶i̶ ̶R̶e̶t̶e̶ ̶4̶,̶ ̶l̶e̶ ̶t̶e̶l̶e̶v̶e̶n̶d̶i̶t̶e̶ ̶l̶o̶c̶a̶l̶i̶,̶ ̶l̶e̶ ̶t̶e̶l̶e̶v̶e̶n̶d̶i̶t̶e̶ ̶n̶a̶z̶i̶o̶n̶a̶l̶i̶,̶ ̶L̶a̶ ̶c̶o̶r̶r̶i̶d̶a̶,̶ ̶L̶’̶o̶t̶t̶a̶v̶o̶ ̶n̶a̶n̶o̶,̶ ̶L̶a̶ ̶t̶v̶ ̶d̶e̶l̶l̶e̶ ̶r̶a̶g̶a̶z̶z̶e̶,̶ ̶A̶v̶a̶n̶z̶i̶,̶ ̶P̶i̶p̶p̶o̶ ̶C̶h̶e̶n̶n̶e̶d̶y̶ ̶S̶h̶o̶w̶,̶ ̶a̶h̶i̶ ̶a̶h̶i̶ ̶a̶h̶i̶ ̶s̶e̶ ̶f̶a̶c̶c̶i̶o̶ ̶u̶n̶ ̶f̶i̶g̶l̶i̶o̶ ̶a̶h̶i̶ ̶a̶h̶i̶ ̶a̶h̶i̶ ̶l̶o̶ ̶c̶h̶i̶a̶m̶o̶ ̶E̶m̶i̶l̶i̶o̶,̶ ̶I̶l̶ ̶p̶r̶o̶c̶e̶s̶s̶o̶ ̶d̶e̶l̶ ̶l̶u̶n̶e̶d̶ì̶,̶ ̶Q̶u̶a̶r̶k̶,̶ ̶J̶o̶n̶a̶t̶h̶a̶n̶ ̶d̶i̶m̶e̶n̶s̶i̶o̶n̶e̶ ̶a̶v̶v̶e̶n̶t̶u̶r̶a̶,̶ ̶P̶r̶o̶n̶t̶o̶ ̶R̶a̶f̶f̶a̶e̶l̶l̶a̶,̶ ̶D̶o̶n̶a̶t̶e̶l̶l̶a̶ ̶R̶a̶f̶f̶a̶i̶,̶ ̶P̶i̶p̶p̶o̶ ̶B̶a̶u̶d̶o̶,̶ ̶L̶a̶ ̶r̶u̶o̶t̶a̶ ̶d̶e̶l̶l̶a̶ ̶f̶o̶r̶t̶u̶n̶a̶,̶ ̶C̶a̶s̶a̶ ̶V̶i̶a̶n̶e̶l̶l̶o̶,̶ ̶I̶l̶ ̶g̶i̶o̶c̶o̶ ̶d̶e̶l̶l̶e̶ ̶c̶o̶p̶p̶i̶e̶,̶ ̶I̶l̶ ̶p̶r̶a̶n̶z̶o̶ ̶è̶ ̶s̶e̶r̶v̶i̶t̶o̶,̶ ̶O̶k̶ ̶i̶l̶ ̶p̶r̶e̶z̶z̶o̶ ̶è̶ ̶g̶i̶u̶s̶t̶o̶,̶ ̶T̶r̶a̶ ̶m̶o̶g̶l̶i̶e̶ ̶e̶ ̶m̶a̶r̶i̶t̶o̶,̶ ̶T̶e̶l̶e̶M̶i̶k̶e̶,̶ ̶F̶a̶n̶t̶a̶s̶t̶i̶c̶o̶,̶ ̶S̶c̶o̶m̶m̶e̶t̶t̶i̶a̶m̶o̶ ̶c̶h̶e̶,̶ ̶D̶r̶i̶v̶e̶ ̶I̶n̶,̶ ̶C̶o̶l̶p̶o̶ ̶g̶r̶o̶s̶s̶o̶,̶ ̶I̶n̶d̶i̶e̶t̶r̶o̶ ̶t̶u̶t̶t̶a̶,̶ ̶M̶i̶x̶e̶r̶,̶ ̶L̶a̶ ̶c̶a̶r̶t̶o̶l̶i̶n̶a̶ ̶d̶i̶ ̶A̶n̶d̶r̶e̶a̶ ̶B̶a̶r̶b̶a̶t̶o̶,̶ ̶l̶e̶ ̶t̶r̶i̶b̶u̶n̶e̶ ̶p̶o̶l̶i̶t̶i̶c̶h̶e̶,̶ ̶l̶e̶ ̶r̶a̶s̶s̶e̶g̶n̶e̶ ̶s̶t̶a̶m̶p̶a̶,̶ ̶S̶a̶m̶a̶r̶c̶a̶n̶d̶a̶,̶ ̶I̶l̶ ̶r̶o̶s̶s̶o̶ ̶e̶ ̶i̶l̶ ̶n̶e̶r̶o̶,̶ ̶T̶e̶m̶p̶o̶ ̶r̶e̶a̶l̶e̶,̶ ̶M̶o̶b̶y̶ ̶D̶i̶c̶k̶,̶ ̶L̶u̶t̶t̶a̶z̶z̶i̶,̶ ̶S̶a̶n̶t̶o̶r̶o̶,̶ ̶B̶i̶a̶g̶i̶,̶ ̶I̶l̶ ̶f̶a̶t̶t̶o̶,̶ ̶I̶ ̶f̶a̶t̶t̶i̶ ̶v̶o̶s̶t̶r̶i̶,̶ ̶S̶u̶p̶e̶r̶c̶l̶a̶s̶s̶i̶f̶i̶c̶a̶ ̶S̶h̶o̶w̶,̶ ̶M̶a̶i̶ ̶d̶i̶r̶e̶ ̶G̶o̶l̶,̶ ̶M̶a̶i̶ ̶d̶i̶r̶e̶ ̶T̶V̶,̶ ̶M̶a̶i̶ ̶d̶i̶r̶e̶ ̶b̶a̶n̶z̶a̶i̶,̶ ̶B̶l̶o̶b̶,̶ ̶F̶u̶o̶r̶i̶ ̶o̶r̶a̶r̶i̶o̶ ̶c̶o̶s̶e̶ ̶(̶m̶a̶i̶)̶ ̶v̶i̶s̶t̶e̶,̶ ̶c̶e̶ ̶n̶e̶ ̶s̶a̶r̶a̶n̶n̶o̶ ̶m̶i̶l̶l̶e̶ ̶a̶l̶t̶r̶i̶ ̶m̶a̶ ̶n̶o̶n̶ ̶m̶i̶ ̶v̶e̶n̶g̶o̶n̶o̶ ̶i̶n̶ ̶m̶e̶n̶t̶e̶ ̶c̶o̶m̶e̶ ̶è̶ ̶p̶o̶s̶s̶i̶b̶i̶l̶e̶ ̶c̶h̶e̶ ̶i̶o̶ ̶a̶b̶b̶i̶a̶ ̶v̶i̶s̶t̶o̶ ̶q̶u̶e̶s̶t̶a̶ ̶v̶a̶l̶a̶n̶g̶a̶ ̶d̶i̶ ̶c̶o̶s̶e̶ ̶i̶n̶ ̶m̶e̶n̶o̶ ̶d̶i̶ ̶m̶i̶l̶l̶e̶ ̶a̶n̶n̶i̶ ̶e̶ ̶s̶e̶n̶z̶a̶ ̶i̶m̶p̶l̶o̶d̶e̶r̶e̶ ̶o̶d̶d̶i̶o̶ ̶u̶n̶ ̶p̶o̶’̶ ̶f̶o̶r̶s̶e̶ ̶s̶o̶n̶o̶ ̶i̶m̶p̶l̶o̶s̶o̶ ̶l̶a̶ ̶t̶v̶ ̶d̶i̶l̶a̶t̶a̶ ̶l̶o̶ ̶s̶p̶a̶z̶i̶o̶-̶t̶e̶m̶p̶o̶ ̶e̶ ̶f̶a̶ ̶i̶m̶p̶l̶o̶d̶e̶r̶e̶ ̶l̶e̶ ̶p̶e̶r̶s̶o̶n̶e̶ ̶s̶o̶p̶r̶a̶t̶t̶u̶t̶t̶o̶ ̶c̶r̶e̶a̶ ̶f̶a̶n̶t̶a̶s̶m̶i̶ ̶e̶ ̶s̶p̶i̶r̶i̶t̶e̶l̶l̶i̶ ̶p̶o̶r̶c̶e̶l̶l̶i̶ ̶n̶e̶l̶l̶a̶ ̶m̶e̶n̶t̶e̶ ̶m̶i̶ ̶s̶e̶n̶t̶o̶ ̶d̶e̶n̶t̶r̶o̶ ̶P̶o̶l̶t̶e̶r̶g̶e̶i̶s̶t̶ ̶o̶ ̶V̶i̶d̶e̶o̶d̶r̶o̶m̶e̶ ̶h̶o̶ ̶p̶e̶r̶s̶o̶ ̶t̶r̶e̶ ̶q̶u̶a̶r̶t̶i̶ ̶d̶’̶o̶r̶a̶ ̶p̶e̶r̶ ̶q̶u̶e̶s̶t̶o̶ ̶e̶l̶e̶n̶c̶o̶ ̶i̶n̶u̶t̶i̶l̶e̶ ̶e̶ ̶p̶r̶i̶v̶o̶ ̶d̶i̶ ̶s̶e̶n̶s̶o̶ ̶m̶i̶ ̶s̶e̶n̶t̶o̶ ̶i̶n̶ ̶c̶o̶l̶p̶a̶ ̶m̶i̶ ̶o̶d̶i̶o̶ ̶p̶e̶r̶ò̶ ̶a̶v̶r̶ò̶ ̶t̶r̶e̶ ̶l̶i̶k̶e̶ ̶d̶u̶e̶ ̶c̶u̶o̶r̶i̶ ̶u̶n̶a̶ ̶f̶a̶c̶c̶i̶n̶a̶ ̶s̶t̶u̶p̶i̶t̶a̶ ̶u̶n̶a̶ ̶c̶h̶e̶ ̶p̶i̶a̶n̶g̶e̶ ̶n̶o̶ ̶p̶e̶r̶c̶h̶é̶ ̶p̶i̶a̶n̶g̶i̶ ̶m̶i̶ ̶è̶ ̶f̶i̶n̶i̶t̶o̶ ̶u̶n̶ ̶b̶r̶u̶s̶c̶o̶l̶i̶n̶o̶ ̶i̶n̶ ̶u̶n̶ ̶o̶c̶c̶h̶i̶o̶ ̶n̶e̶s̶s̶u̶n̶o̶ ̶l̶e̶g̶g̶e̶r̶à̶ ̶f̶i̶n̶o̶ ̶a̶l̶l̶a̶ ̶f̶i̶n̶e̶ ̶a̶m̶m̶e̶t̶t̶i̶ ̶t̶i̶ ̶s̶e̶i̶ ̶f̶e̶r̶m̶a̶t̶o̶ ̶a̶l̶ ̶t̶i̶t̶o̶l̶o̶ ̶m̶a̶ ̶n̶o̶n̶ ̶c̶’̶è̶ ̶n̶e̶s̶s̶u̶n̶ ̶t̶i̶t̶o̶l̶o̶ ̶m̶a̶l̶e̶d̶e̶t̶t̶o̶ ̶F̶a̶c̶e̶b̶o̶o̶k̶ ̶d̶i̶s̶c̶o̶r̶s̶i̶ ̶i̶n̶s̶u̶l̶s̶i̶ ̶d̶i̶b̶a̶t̶t̶i̶t̶i̶ ̶i̶n̶u̶t̶i̶l̶i̶ ̶e̶g̶o̶ ̶i̶p̶e̶r̶t̶r̶o̶f̶i̶c̶i̶ ̶h̶o̶ ̶s̶c̶a̶r̶i̶c̶a̶t̶o̶ ̶t̶u̶t̶t̶o̶ ̶B̶r̶e̶a̶k̶i̶n̶g̶ ̶B̶a̶d̶ ̶e̶p̶i̶s̶o̶d̶i̶o̶ ̶p̶e̶r̶ ̶e̶p̶i̶s̶o̶d̶i̶o̶ ̶e̶ ̶s̶i̶n̶c̶r̶o̶n̶i̶z̶z̶a̶t̶o̶ ̶i̶ ̶s̶o̶t̶t̶o̶t̶i̶t̶o̶l̶i̶ ̶c̶o̶n̶ ̶S̶u̶b̶t̶i̶t̶l̶e̶s̶S̶y̶n̶c̶h̶ ̶o̶r̶a̶ ̶è̶ ̶d̶i̶s̶p̶o̶n̶i̶b̶i̶l̶e̶ ̶s̶u̶ ̶N̶e̶t̶f̶l̶i̶x̶ ̶t̶a̶n̶t̶a̶ ̶f̶a̶t̶i̶c̶a̶ ̶p̶e̶r̶ ̶n̶u̶l̶l̶a̶ ̶i̶ ̶D̶i̶v̶X̶ ̶d̶i̶ ̶N̶e̶o̶n̶ ̶G̶e̶n̶e̶s̶i̶s̶ ̶E̶v̶a̶n̶g̶e̶l̶i̶o̶n̶ ̶m̶a̶s̶t̶e̶r̶i̶z̶z̶a̶t̶i̶ ̶n̶e̶l̶ ̶2̶0̶0̶2̶ ̶s̶o̶n̶o̶ ̶g̶r̶a̶f̶f̶i̶a̶t̶i̶ ̶e̶ ̶i̶l̶l̶e̶g̶g̶i̶b̶i̶l̶i̶ ̶l̶’̶e̶n̶t̶r̶o̶p̶i̶a̶ ̶l̶a̶ ̶m̶o̶r̶t̶e̶ ̶t̶e̶r̶m̶i̶c̶a̶ ̶d̶e̶l̶l̶’̶u̶n̶i̶v̶e̶r̶s̶o̶ ̶l̶a̶ ̶f̶i̶n̶e̶ ̶d̶i̶ ̶t̶u̶t̶t̶o̶ ̶n̶o̶n̶ ̶è̶ ̶g̶i̶u̶s̶t̶o̶ ̶o̶v̶v̶i̶a̶m̶e̶n̶t̶e̶ ̶n̶o̶n̶ ̶h̶o̶ ̶e̶l̶e̶n̶c̶a̶t̶o̶ ̶l̶e̶ ̶l̶e̶t̶t̶u̶r̶e̶ ̶d̶a̶ ̶T̶o̶p̶o̶l̶i̶n̶o̶ ̶a̶ ̶K̶a̶f̶k̶a̶ ̶p̶a̶s̶s̶a̶n̶d̶o̶ ̶p̶e̶r̶ ̶B̶a̶l̶l̶a̶r̶d̶ ̶e̶ ̶M̶a̶r̶t̶i̶n̶ ̶M̶y̶s̶t̶è̶r̶e̶ ̶m̶a̶ ̶m̶i̶ ̶f̶e̶r̶m̶o̶ ̶n̶o̶n̶ ̶v̶o̶g̶l̶i̶o̶ ̶a̶g̶g̶i̶u̶n̶g̶e̶r̶e̶ ̶u̶n̶a̶ ̶l̶i̶s̶t̶a̶ ̶d̶i̶ ̶l̶i̶b̶r̶i̶ ̶e̶ ̶f̶u̶m̶e̶t̶t̶i̶ ̶s̶o̶l̶o̶ ̶p̶e̶r̶ ̶v̶a̶n̶t̶a̶r̶m̶i̶ ̶e̶ ̶d̶i̶r̶e̶ ̶e̶c̶c̶o̶ ̶v̶e̶d̶e̶t̶e̶ ̶m̶i̶c̶a̶ ̶g̶u̶a̶r̶d̶a̶v̶o̶ ̶s̶o̶l̶o̶ ̶l̶a̶ ̶t̶v̶ ̶e̶ ̶a̶l̶l̶o̶r̶a̶ ̶c̶e̶r̶t̶o̶ ̶s̶ì̶ ̶p̶o̶t̶r̶e̶i̶ ̶e̶l̶e̶n̶c̶a̶r̶e̶ ̶a̶n̶c̶h̶e̶ ̶a̶u̶d̶i̶o̶c̶a̶s̶s̶e̶t̶t̶e̶ ̶V̶H̶S̶ ̶C̶o̶m̶m̶o̶d̶o̶r̶e̶ ̶6̶4̶ ̶p̶r̶o̶g̶r̶a̶m̶m̶i̶ ̶i̶n̶ ̶B̶A̶S̶I̶C̶ ̶G̶a̶m̶e̶ ̶G̶e̶a̶r̶ ̶M̶o̶n̶k̶e̶y̶ ̶I̶s̶l̶a̶n̶d̶ ̶B̶i̶g̶ ̶B̶a̶b̶o̶l̶ ̶U̶n̶i̶p̶o̶s̶c̶a̶ ̶z̶a̶i̶n̶i̶ ̶I̶n̶v̶i̶c̶t̶a̶ ̶p̶e̶n̶n̶e̶ ̶P̶a̶p̶e̶r̶m̶a̶t̶e̶ ̶a̶u̶t̶o̶g̶e̶s̶t̶i̶o̶n̶e̶ ̶o̶c̶c̶u̶p̶a̶z̶i̶o̶n̶e̶ ̶R̶e̶a̶l̶e̶ ̶A̶n̶t̶i̶s̶e̶r̶i̶ ̶A̶b̶b̶a̶g̶n̶a̶n̶o̶ ̶C̶u̶o̶r̶e̶ ̶C̶o̶m̶i̶x̶ ̶L̶i̶n̶u̶s̶ ̶f̶u̶s̶e̶a̶u̶x̶ ̶A̶r̶e̶n̶a̶ ̶t̶r̶e̶c̶c̶i̶n̶e̶ ̶r̶i̶g̶h̶i̶n̶e̶ ̶g̶a̶t̶t̶i̶ ̶d̶i̶ ̶p̶o̶l̶v̶e̶r̶e̶ ̶c̶l̶o̶r̶o̶f̶l̶u̶o̶r̶o̶c̶a̶r̶b̶u̶r̶i̶ ̶t̶u̶b̶i̶ ̶c̶a̶t̶o̶d̶i̶c̶i̶ ̶C̶h̶e̶r̶n̶o̶b̶y̶l̶ ̶C̶r̶a̶x̶i̶ ̶A̶n̶d̶r̶e̶o̶t̶t̶i̶ ̶D̶e̶ ̶M̶i̶c̶h̶e̶l̶i̶s̶ ̶O̶c̶c̶h̶e̶t̶t̶o̶ ̶S̶p̶a̶d̶o̶l̶i̶n̶i̶ ̶s̶o̶f̶f̶i̶c̶i̶n̶i̶ ̶F̶i̶n̶d̶u̶s̶ ̶K̶u̶r̶t̶ ̶C̶o̶b̶a̶i̶n̶ ̶M̶i̶c̶h̶a̶e̶l̶ ̶J̶a̶c̶k̶s̶o̶n̶ ̶D̶e̶ ̶M̶i̶t̶a̶ ̶i̶l̶ ̶g̶r̶u̶n̶g̶e̶ ̶i̶l̶ ̶p̶o̶p̶ ̶l̶a̶ ̶D̶c̶ ̶l̶e̶ ̶s̶t̶r̶a̶g̶i̶ ̶d̶i̶ ̶m̶a̶f̶i̶a̶ ̶B̶e̶r̶l̶u̶s̶c̶o̶n̶i̶ ̶c̶h̶e̶ ̶s̶c̶e̶n̶d̶e̶ ̶i̶n̶ ̶c̶a̶m̶p̶o̶ ̶T̶o̶t̶ò̶ ̶S̶c̶h̶i̶l̶l̶a̶c̶i̶ ̶c̶o̶n̶ ̶g̶l̶i̶ ̶o̶c̶c̶h̶i̶ ̶s̶g̶r̶a̶n̶a̶t̶i̶ ̶B̶a̶g̶g̶i̶o̶ ̶c̶h̶e̶ ̶s̶b̶a̶g̶l̶i̶a̶ ̶i̶l̶ ̶r̶i̶g̶o̶r̶e̶ ̶l̶e̶ ̶o̶l̶i̶m̶p̶i̶a̶d̶i̶ ̶l̶e̶ ̶p̶a̶p̶e̶r̶o̶l̶i̶m̶p̶i̶a̶d̶i̶ ̶i̶ ̶m̶o̶n̶d̶i̶a̶l̶i̶ ̶d̶i̶ ̶a̶t̶l̶e̶t̶i̶c̶a̶ ̶P̶i̶z̶z̶u̶l̶ ̶B̶r̶a̶g̶a̶g̶n̶a̶ ̶P̶a̶n̶t̶a̶n̶i̶ ̶I̶n̶d̶u̶r̶a̶i̶n̶ ̶i̶ ̶b̶r̶u̶f̶o̶l̶i̶ ̶i̶l̶ ̶n̶a̶z̶i̶o̶n̶a̶l̶p̶o̶p̶o̶l̶a̶r̶e̶ ̶i̶ ̶g̶i̶o̶c̶h̶i̶ ̶d̶i̶ ̶s̶o̶c̶i̶e̶t̶à̶ ̶i̶ ̶g̶i̶o̶c̶h̶i̶ ̶i̶n̶v̶e̶n̶t̶a̶t̶i̶ ̶i̶l̶ ̶C̶r̶y̶s̶t̶a̶l̶ ̶B̶a̶l̶l̶ ̶d̶o̶v̶e̶ ̶c̶’̶è̶ ̶B̶a̶r̶i̶l̶l̶a̶ ̶c̶’̶è̶ ̶c̶a̶s̶a̶ ̶M̶i̶c̶h̶e̶l̶e̶ ̶e̶ ̶i̶l̶ ̶G̶l̶e̶n̶ ̶G̶r̶a̶n̶t̶ ̶s̶i̶l̶e̶n̶z̶i̶o̶ ̶p̶a̶r̶l̶a̶ ̶A̶g̶n̶e̶s̶i̶ ̶m̶a̶m̶m̶a̶ ̶g̶u̶a̶r̶d̶a̶ ̶u̶n̶ ̶p̶o̶l̶l̶o̶ ̶b̶a̶s̶t̶a̶ ̶a̶i̶u̶t̶o̶ ̶o̶p̶s̶ ̶d̶i̶m̶e̶n̶t̶i̶c̶a̶v̶o̶ ̶S̶a̶n̶d̶r̶o̶ ̶C̶u̶r̶z̶i̶ ̶i̶n̶ ̶r̶e̶a̶l̶t̶à̶ ̶e̶r̶a̶ ̶K̶o̶j̶a̶k̶ ̶M̶a̶r̶c̶e̶l̶l̶o̶ ̶F̶o̶a̶ ̶i̶n̶v̶e̶c̶e̶ ̶s̶e̶m̶b̶r̶a̶ ̶u̶n̶ ̶c̶h̶i̶r̶u̶r̶g̶o̶ ̶c̶a̶t̶t̶i̶v̶o̶ ̶d̶i̶ ̶u̶n̶ ̶m̶e̶d̶i̶c̶a̶l̶ ̶d̶r̶a̶m̶a̶ ̶m̶a̶l̶e̶d̶i̶z̶i̶o̶n̶e̶ ̶b̶a̶s̶t̶a̶ ̶f̶a̶c̶c̶i̶o̶ ̶s̶e̶p̶p̶u̶k̶u̶ ̶t̶u̶t̶t̶o̶ ̶q̶u̶e̶s̶t̶o̶ ̶n̶o̶n̶ ̶h̶a̶ ̶s̶e̶n̶s̶o̶ ̶s̶i̶ ̶t̶r̶a̶t̶t̶a̶ ̶d̶i̶ ̶v̶i̶v̶e̶r̶e̶ ̶e̶n̶t̶r̶o̶ ̶l̶o̶ ̶s̶t̶a̶t̶o̶ ̶d̶’̶a̶s̶s̶u̶r̶d̶o̶ ̶a̶h̶ ̶n̶o̶n̶ ̶h̶o̶ ̶c̶i̶t̶a̶t̶o̶ ̶C̶a̶n̶d̶y̶ ̶C̶a̶n̶d̶y̶ ̶e̶ ̶L̶o̶v̶e̶ ̶B̶o̶a̶t̶ ̶c̶h̶i̶s̶s̶à̶ ̶p̶e̶r̶c̶h̶é̶ ̶n̶e̶ ̶p̶a̶r̶l̶e̶r̶ò̶ ̶c̶o̶l̶ ̶m̶i̶o̶ ̶a̶n̶a̶l̶i̶s̶t̶a̶ all’aria aperta.

Perna de Pau

Forse mi succede perché amo la fantascienza, le ucronie, la teoria del Multiverso, Philip K. Dick e Rick and Morty. Forse perché erano anni che non trascorrevo più di una settimana all’estero (l’ultima volta è stato in occasione del mitico Interrail post maturità, eoni fa). Forse perché il Portogallo è diverso dall’Italia, ma in fondo non così tanto. Forse perché sono pazzo, semplicemente.

Fatto sta che da quando vivo a Lisbona (ben dieci giorni) ho la sensazione di trovarmi in un universo parallelo. Ed è bellissimo. La gente parla una lingua strana, esotica e incomprensibile, che però assomiglia vagamente alla mia. Alcune parole sono uguali, ma hanno un significato completamente diverso. Morbido significa morboso e birra vuol dire capriccio. Se voglio un gelato dell’Algida (che qui si chiama Olá), posso prendere Cornetto, Calippo, Magnum e Solero senza problemi, ma non il Cucciolone. Non esiste. In compenso c’è il PERNA DE PAU (“trampolo”), un bizzarro mix fra Cremino e Fior di fragola. Per strada incappo nel poster pubblicitario della nuova stagione di “A Guerra dos Tronos” e al cinema fanno “Amigos amigos, telemóveis a parte” (ovvero “Perfetti sconosciuti”, siamo ai livelli di “Se mi lasci ti cancello”).

Insomma, sembra la stessa dimensione spazio-temporale, ma non lo è. Provo una specie di Mandela Effect potenziato con doppio salto mortale carpiato. A proposito, anch’io sono lo stesso eppure sono un altro. Mi guardo allo specchio e ho la sensazione di avere i capelli più lunghi e la carnagione più scura. Dite che è dovuto al tempo che scorre e al sole che abbronza? Naaah, troppo banale. La mia mente è finita nel corpo del mio doppelgänger di questo universo, è evidente.

(Sì, sono pazzo. E pure un po’ morbido.)

Di orizzonti, buchi e spaghetti

L’altro giorno ho chiesto ad alcuni amici immaginari cosa facesse venire loro in mente l’espressione orizzonte degli eventi. Un paio hanno risposto “una canzone”, gli altri hanno tirato in ballo il destino, il libero arbitrio e il senso della vita (lo so, nella mia testa frequento gente strana). In effetti “L’orizzonte degli eventi” è il titolo di una canzone dei Baustelle1, ma potrebbe essere anche il verso di una poesia ermetica o il concetto di un filosofo romantico del XIX secolo.

E invece il termine event horizon, utilizzato per la prima volta nel 1953 dal fisico Wolfgang Rindler, descrive la linea di confine che delimita un buco nero.
A proposito, sapete cos’è un buco nero? No, non mi riferisco al cervello di Borghezio. Subrahmanyan Chandrasekhar, premio Nobel per la Fisica nel 1983, sosteneva che i buchi neri sono gli oggetti macroscopici più semplici e perfetti dell’universo, ma il suo concetto di “semplice” probabilmente differiva dal nostro (per me non è semplice neppure pronunciare il suo nome). Un buco nero può essere definito come un corpo celeste in cui la forza di gravità è talmente forte che la massa collassa su se stessa2. In base ai principi di Star Trek della relatività generale, lo spazio-tempo viene curvato dalla presenza di una massa. Nel caso dei buchi neri, la massa raggiunge una densità spaventosa e lo spazio-tempo subisce una deformazione tale da imprigionare tutto, compresa la luce. Al centro di un buco nero si forma una singolarità gravitazionale; in altre parole, la gravità tende all’infinito e non sappiamo cosa diavolo succede.

Un'ipotesi

Pur essendo una diretta conseguenza della relatività generale, Einstein era convinto che i buchi neri non potessero esistere nella realtà. Oggi sappiamo che Einstein aveva toppato i buchi neri esistono e che ce ne sono di diversi tipi e dimensioni. Pare ad esempio che ci sia un buco nero supermassiccio al centro di ogni galassia. Per intenderci, il buco nero al centro della Via Lattea ha una massa stimata pari a 4,1 milioni di volte quella del Sole (e non è tra i più grandi). Per fortuna si trova a circa 26.000 anni luce di distanza dal Sistema Solare, per cui possiamo dormire tranquilli. A proposito di massa, non è ancora chiaro quale sia la massa minima che deve avere una stella per trasformarsi in un buco nero, ma sappiamo con certezza che corrisponde a diverse masse solari3. Questo vuol dire che alla fine del suo ciclo vitale, fra 7,8 miliardi di anni, il Sole non diventerà un buco nero ma si trasformerà in una nana bianca (annotate la data sulle vostre agende).

L’orizzonte degli eventi è la linea di confine superata la quale tutto quello che è stato inghiottito dal buco nero non può più tornare indietro. Il primo a ipotizzare un’entità del genere fu, nel 1916, un altro fisico dal nome impronunciabile: Karl Schwarzschild. Nella formulazione di Schwarzschild, ad ogni corpo è associato un raggio proporzionale alla sua massa (noto come raggio di Schwarzschild); nel caso dei buchi neri, la massa collassata si trova all’interno del raggio: a tracciarne i contorni è l’ultimo fascio di luce non intrappolato dalla singolarità. L’orizzonte degli eventi non ha delle proprietà intrinseche; è semplicemente il punto di non ritorno, l’orlo dell’abisso: se si supera non c’è più nulla da fare. Si chiama “orizzonte degli eventi” proprio perché è il punto estremo in cui ha ancora senso parlare di eventi (nell’accezione di “fenomeni osservabili”).

Invitante

Vi suggerisco quindi di non provare ad avventurarvi oltre: non solo non riuscireste a tornare per vantarvene con gli amici, ma probabilmente finireste spaghettificati. Lo so che è difficile da credere, ma spaghettificazione non è una parola inventata da me; a usare per la prima volta il termine spaghettification fu il giornalista scientifico Nigel Calder, ma il concetto è divenuto famoso perché utilizzato da Stephen Hawking nel celebre Dal big bang ai buchi neri. L’intrepido astronauta che decidesse di calarsi all’interno di un buco nero, dice Hawking, non se la passerebbe tanto bene: essendo la forza gravitazionale sempre più forte man mano che ci si avvicina al centro della singolarità, l’astronauta subirebbe un’attrazione maggiore su una parte del corpo e una decisamente inferiore sulla parte opposta, fino a trovarsi allungato e stirato come Fassino uno spaghetto, rompendosi infine in tanti pezzettini. Poi non dite che non vi avevo avvisato.

Fassino n. 5

  1. È anche il titolo di un paio di film (questo e quest’altro), di un libro e di una storia di Martin Mystère. []
  2. Dalla regia mi dicono che la natura stessa della gravità è quella di far collassare le masse su loro stesse, la discriminante è la densità che viene raggiunta. []
  3. Dalla regia (sempre la stessa) mi dicono che in realtà sappiamo qual è la massa necessaria per formare un buco nero, ma non siamo in grado di prevedere quale sarà la massa di una stella poco prima che inizi il collasso (questo perché le stelle di solito perdono materia). []

Aprire un weblog

Un mio amico mi ha consigliato di aprire un weblog, ovvero una sorta di diario online. Un weblog è come un sito, solo che non è fatto con FrontPage o Mozilla Composer. In pratica potete scrivere quel che vi pare utilizzando un programma che assomiglia a Eudora; i vostri articoli non raggiungeranno le caselle di posta elettronica degli amici e non compariranno all’interno del vostro newsgroup preferito, ma saranno pubblicati in ordine cronologico discendente sul vostro weblog (la cosa straordinaria è che chiunque potrà collegarsi e commentare quel che scrivete). Orbene, sono scisso: da una parte l’idea di aprire un weblog mi entusiasma e vorrei seguire il consiglio del mio amico, dall’altra ho paura che il tutto possa rivelarsi un’inutile perdita di tempo. Ho un articolo in testa da più di un anno e mi piacerebbe pubblicarlo sul mio weblog, ma è pur vero che non ho tempo per far nulla e aprire un weblog proprio adesso potrebbe essere una cattiva idea. Voi che ne pensate?

I miei 101 amici

Io ho 101 amici, vi rendete conto? Ho 101 amici e il cuore ricolmo di orgoglio e gratitudine. È bello avere tanti amici, ma ancor più bello averne proprio 101. 101 è un numero magico e palindromo. Ok, pure 202 e 303 sono palindromi, ma non hanno nulla della magia del 101. 101 è magico perché negli anni ’80 c’era una bibita fichissima che si chiamava così (in realtà si chiamava One-O-One, ma è uguale), con quel gusto un po’ speciale che sembrava quello della Coca-Cola ma era tutta un’altra cosa; 101 è magico perché è la somma di cinque numeri primi consecutivi (13 + 17 + 19 + 23 + 29) e perché la statua della libertà è alta 101 piedi dalla base alla torcia; 101 è magico perché i gatti saran pure 44 in fila per 6 col resto di 2, ma i cani della carica sono 101 e non si discute; 101 è magico perché è fatto coi numeri del codice binario e perché è il nome di un’emittente radiofonica che trasmette le canzoni che amiamo degli anni ’80, ’90 e di oggi (e scusate se è poco). Insomma, 101 è magico e ora io ho 101 amici e questa è una cosa stupenda. Sono proprio tanto felice, e in preda all’euforia ho deciso di fare due conti su questi miei 101 amici.

(La lingua d'Albione è più cool)

Ordunque, cominciamo col dire che nove dei miei centouno amici (l’8.9%) sono dei perfetti sconosciuti, nel senso che non ho proprio la più pallida idea di chi siano: due ragazze sono diventate mie amiche per via dello stesso cognome (una vive addirittura in Argentina, che bello), un altro paio perché siamo nati lo stesso giorno, mese e anno (eh, il destino), due tizi di New York per motivi oscuri che non ricordo, un ragazzo turco perché condividiamo il film preferito (Fuori orario) e un altro newyorkese perché ha la linea simiana come me. E siamo a otto. Il modo in cui sono diventato amico della nona sconosciuta è il più bello di tutti e merita d’esser sottolineato. Un paio di settimane fa ho ricevuto una richiesta d’amicizia da parte di una simpatica signora di sessantatre anni; incuriosito, le ho scritto questo:

Ci conosciamo?

E lei ha risposto così:

Professeur de mathématiques retraitée de Belgique, je vis maintenant à Agde (Hérault,France), et continue mes bénévolats commencés en Belgique ; déléguée de l’ADMD ( Association pour le Droit de Mourir dans la Dignité), je suis aussi libre penseur, administrateur des Crématistes, et vais souvent à Paris, pour suivre des formations organisées par le CISS (collectif interassociatif sur la santé), car je suis représentante des usagers dans les hôpitaux. J’ai beaucoup d’affinités avec l’Italie, puisque j’ai une petie maison dans le centre historique d’Apricale ( Liguria)….Bises. Micheline

Potevo ignorare la sua richiesta d’amicizia? Ovviamente no. Altri sei dei miei centouno amici (il 5.9%) non sono umani, nel senso che non hanno un cervello e sono sprovvisti di autocoscienza (no, non sono amico di Borghezio): uno ad esempio è un pupazzo rosa peloso, un altro è un sito studentesco, un altro ancora è un CCC (Centro Culture Contemporanee). Suppongo invece che altri otto amici (il 7.9%) siano umani, ma non posso esserne certo perché non li ho mai conosciuti di persona né ci ho mai parlato al telefono, ma solo attraverso internet (alcuni li frequento da anni attraverso chat e blog, e in tutto questo tempo ho avuto modo di entrare in contatto con le loro manie, idiosincrasie e tribolazioni sentimentali, ma non ho mai visto in faccia nessuno di loro). Dodici (l’11.8%) li ho incontrati una sola volta in tutta la mia vita; in alcuni casi si è trattato di incontri lunghi e significativi, in altri di apparizioni fugaci ma intense, in altri ancora il tutto si è risolto in un “Ciao, come ti chiami? Posso aggiungerti su Facebook?”. Quattro (il 3.9%) erano miei compagnetti alle scuole elementari e non li vedo da circa vent’anni, mentre altri otto (il 7.9%) erano miei amichetti ai tempi del liceo e il nostro ultimo incontro risale a poco tempo fa (da un minimo di due a un massimo di undici anni, praticamente nulla su scala cosmica); i compagni delle medie invece sono zero (lo 0.0%), perché tutti morti, in carcere, rapiti dagli alieni o risucchiati da un buco nero. Ben ventiquattro (il 23.7%) li ho conosciuti all’università e proprio con ventiquattro non mi vedo da almeno un anno (ma non sono necessariamente le stesse persone). Due (l’1.9%) sono miei parenti (il che invero è piuttosto singolare, considerato il fatto che ho nove zii e ventiquattro cugini di primo grado). Con cinque (il 4.9%) mi sono scambiato dolci baci e languide carezze, ma se volete sapere chi sono state freschi (ok, cliccando qui potrete scoprire l’identità di una di loro). Oh, uno (lo 0.9%) è un teologo benedettino, autore del De Corpore et Sanguine Domini. Potrei finire elencando i debosciati con cui mi frequento con maggiore assiduità, ma quelli non ho voglia di contarli (eccone uno, giusto a titolo esemplificativo). Bene, direi che è tutto. Prima di salutarvi, però, ci tengo a ribadire che ho 101 amici e il cuore ricolmo di orgoglio e gratitudine. Di seguito riporto la frase che ho scritto a caratteri cubitali sulla mia Smemo rosa. Arrivederci e grazie per la cortese attenzione.

La frase che ho scritto a caratteri cubitali sulla mia Smemo rosa

I Malkut

  • Nobody really cares or understands what anyone else is doing. Law of the Individual

Twitter

Archivi

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers: