adidas nmd runner pk adidas is dropping two nmd runner pk releases this weekend adidas nmd runner european release dates adidas originals nmd august 18th releases adidas nmd runner triple white adidas nmd runners releasing at pac sun nice kicks adidas nmd die tye adidas nmd runner suede adidas nmd pk runner in yellow releasing in february adidas nmd runner pk yellow camo release date packer shoes adidas nmd adidas nmd runner primeknit red camo adidas nmd runner adidas nmd runner pk adidas nmd runner white adidas nmd white red blue release date adidas nmd white red blue another look adidas nmd white more imagery adidas nmd r2 white mountaineering preview adidas nmd runner pk yellow camo

Tag: Straniamento

Dialogo enzimatico

Forse cerco sempre di infilarmi in situazioni stranianti per ricordare a me stesso che la realtà è straniante, per non abituarmi troppo alle cose e non anestetizzarmi. Così soffro, ma dietro la sofferenza si cela un piacere sottile. È come se avessi con me un armadio tascabile per accedere a Narnia o un binario 9¾ da polsino per catapultarmi a Hogwarts (mentre i babbani conducono le loro vite ignari delle mille dimensioni parallele che li circondano).

Io a un certo punto ho iniziato a pensare: se questa situazione mi sembra così straniante e anormale, cosa invece potrebbe essere normale e rassicurante? E la risposta è stata: niente.

Perché ti manca l’enzima di accettazione dell’assurdo. La gente non vede l’assurdo perché ha l’enzima, come quelli dentro Matrix che non si rendono conto di essere dentro Matrix. A me, a te e a pochi altri eletti manca questo enzima (in realtà non è un enzima, probabilmente sarà l’effetto di una configurazione particolare dei neuroni nella corteccia prefrontale dorsolaterale). Siamo come Neo.

Ok, ma dopo che capisci che non c’è nient’altro che questo, lo prendi come un grottesco oggettivo e non come un grottesco minaccioso.

Sempre grottesco è.

Certo, ma potrebbe anche essere divertente e in ogni caso se tutto è grottesco e io faccio parte del tutto anche io sono grottesco, quindi il problema non si pone. 😀 

Sicuramente può essere anche divertente, spesso lo è, ma per me il problema si pone eccome, a maggior ragione perché ne faccio parte. Le cose sono problema, io sono problema, tutto è PROBLEMA.

Problema rispetto a cosa? A un flusso senza intoppi? 

Problema nel senso di cosa non chiara, come essere una mosca dentro una bottiglia o un pesce dentro una boccia di vetro senza sapere il perché. Non puoi sapere il perché e non puoi accedere alla soluzione, ma questo non implica che il problema non ci sia. Il problema c’è, e ricordarlo aiuta a essere mosche e pesci consapevoli.

E quindi cosa conti di fare?

Boh.

Posso dì una cosa?

Seh.

Mi sembra una convinzione un po’ rigida questa che tutto è confusione e tutto è problema, cioè tipo che tiri su la sabbia dal fondale e poi dici che non si vede niente. Nel senso, avere tutto chiaro e cristallino, lo sappiamo bene entrambi a cosa porta.

Maledetto, hai l’enzima anche tu! 😀 Seriamente, se sei curioso ti abbassi per analizzare la sabbia e poi ti muovi per capire dove ti trovi. L’unico modo per non tirare su la sabbia dal fondale è stare fermi.

Non prendere troppo alla lettera le metafore però. 😛 

L'enzima lilla scuro dell'accettazione

I Malkut

  • Un filosofo sfugge alla mediocrità solo grazie allo scetticismo o alla mistica – le due forme della disperazione di fronte alla conoscenza. La mistica è un’evasione dalla conoscenza, lo scetticismo una conoscenza priva di speranza. Due modi di dire che il mondo non è una soluzione. Emil Cioran

Twitter

Archivi

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers: